Pages

'Ussignur, nuovo anno, stesse discussioni in rete.

Ricapitoliamo: sono arrivati iPhone 14, qualche iPad, un'AppleTV 4K e le voci su un prossimo arrivo di ulteriori aggiornamenti hardware e software. Secondo i loro autori le novità dovevano essere un Mac Pro, uno o più Mac Mini e un aggiornamento dei sistemi operativi e qualcos'altro.

La loro disponibilità non era garantita, ma Apple aveva fatto trapelare, più o meno ufficialmente, che fra qualche mese ci saranno tutti, salvo contrattempi improvvisi che sono arrivati puntualmente accompagnati solo dalle nuove versioni dei sistemi operativi e null'altro. L' hardware ulteriore, come già raccontato, non s'è visto e Apple, per compensare, se n'è uscita con un bilancio consuntivo del suo ultimo trimestre che è stata approvato dal suo CdA e commentato variamente nel mondo della rete.

Qualcuno è stato più creativo e fantasioso degli altri che criticavano qualsiasi cosa si riferisse ad Apple annunciando la scoperta di difetti che solo lui e la sua fonte avevano trovato nei prodotti Apple appena presentati. La discussione si è ravvivata un po' poi è arrivata l'affermazione che appare tutte le volte, in queste occasioni, con una precisione metronomica: Apple costa troppo e non ne azzecca una. Più o meno.

Gli interventi, dicono sempre le stesse cose: " i modelli Android ce l'hanno già (o l'hanno abbandonata, in funzione della caratteristica di cui si sta parlando) , da 10 anni" e la discussione termina. Nessuno dei partecipanti, si ricorda di precisare che di solito, l'argomento della discussione, la caratteristica del dispositivo di cui si sta parlano è sparita, per qualche ragione nota solo ai produttori, nella versione successiva a quella in cui era apparsa.

Quando, invece gli annunci si basano su voci, notizie e annunci non ufficiali ma provengono da qualche fonte seria, affidabile e con molti agganci in Apple, si assiste ad una reazione fatta di sorpresa, speranze, ipotesi, tanta eccitazione, infine calma piatta. Poi tutto ricomincia, in attesa di una nuova occasione, quando ci sarà un'altra presentazione, una nuova notizia o un annuncio, meglio se contraddice quanto raccontato in rete fino a quel momento.

Un altro argomento di discussione che si ritrova spesso sono le variazioni improvvise sulle voci che circolano in rete su Apple, prima sull'iPhone 14 e sui suoi assemblatori, poi sui si dice dei sistemi operativi e i software più nuovi. Ci sono state discussioni, di nuovo sull'hardware e sul software castrato che Apple rifila ai suoi clienti, sull'obsolescenza programmata e sul servizio "Self Ripair".

Apple ha cominciato a diffonderlo guardandosi bene dall'affidarlo a chiunque, contrariamente a quanto richiesto a gran voce dalla rete. Dopo tutto, Apple non s'è dimenticata, dei dispositivi che arrivavano in assistenza qualche tempo addietro rovinati e semidistrutti da riparatori e utenti che avevano tentato una riparazione o un aggiornamento senza averne le competenze.

Molti utenti e frequentatori della rete, non sono di quell'idea e, mostrando una memoria molto più labile di quella Apple l'hanno fatto sapere, molto rumorosamente. Apple li ha ignorati. Già che c'erano hanno trovato da ridire anche sull'iPad basic di penultima generazione, ancora in catalogo, sulla matita, la "pencil" di prima generazione, proposta per quel tablet, del suo adattatore a Usb-C. Nessuno s'è informato sulle ragioni, giuste o sbagliate che siano, alla base delle scelte di Apple. Come sempre.

Per ora ci fermiamo qui. Alla prossima chiacchierata.

L'immagine di testa è stata tratta dal mio archivio.

1 commento :

  1. I totally agree. Taxes are high in the Scandinavian countries and people generally don't make an issue out of it because the average person here has a high quality of life. The problem is not the level of taxation. The problem is people not paying their taxes, the tax money being squandered and not properly spent, and above all corruption, especially in politics.

    RispondiElimina

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 

My Instagram

Copyright © Apple Caffè.