Come funziona la piattaforma del momento. Netflix for dummies!

Vi abbiamo già raccontato l'avvento di questa piattaforma in Italia. Di seguito una serie di informazioni tratte dall'assistenza ufficiale e in parte verificate anche da noi; in parte, perché in questi giorni stiamo continuando a testare la piattaforma, cercando di stressarla soprattutto dal punto di vista delle performance in termini di fluidità e definizione.

Tre piani di abbonamento:
- 7,99 €/mese, è possibile utilizzare uno schermo alla volta, la definizione è standard;
- 9,99 €/mese, si possono utilizzare 2 schermi alla volta, l'HD è disponibile;
- 11,99 €/mese, è possibile utilizzare fino a 4 schermi alla volta, disponibili l'HD e l'Ultra HD.

Il primo mese è gratuito. La disdetta, entro il termine del mese, è semplicissima: andare sul profilo (in alto a destra), cliccare su Il Tuo Account, cliccare sul pulsante DISDICI ABBONAMENTO (in alto a sinistra, sotto la voce ABBONAMENTO E FATTURAZIONE).
Anche per fruire del mese gratuito è necessario registrarsi, inviando i dati della carta di credito o del paypal (a seconda del metodo di pagamento scelto), per cui al termine del mese di prova, se non si disdice, vi verrà addebitata in automatico la cifra corrispondente al piano tariffario selezionato; e così avverrà ogni mese, fino a quando deciderete di disdire l'abbonamento.
Ripetiamo, visto che già alcuni si sono lamentati: anche per fruire del mese gratuito è necessario lasciare i dati della carta di credito o di paypal.

Si possono guardare film e serie TV in numero illimitato in STREAMING ISTANTANEO su tutti i dispositivi compatibili con Netflix. STREAMING ISTANTANEO significa No Connessione, No Party. Se nel fine settimana andate nella casa di montagna, dove la connessione è ballerina o precaria, scordatevi Netflix. Infatti la velocità di connessione minima è di 0,5 megabit al secondo.
Occhio anche alla quantità di dati utilizzati per la riproduzione; è vero che ormai con le tariffe flat questo aspetto è diventato secondario per molti, però non dimentichiamoci che spesso smartphone e tablet vanno a "mangiare" il traffico dati previsto dal nostro contratto col gestore mobile.
La riproduzione utilizza circa 1 GB di traffico dati l'ora per video in definizione standard e fino a 3 GB per l'HD. Più in generale tenete conto di questi valori, corrispondenti alle 4 impostazioni di utilizzo dei dati:
- bassa qualità, fino 0,3 GB l'ora;
- media qualità (qualità video standard), fino a 0,7 GB l'ora;
- alta qualità (qualità video massima), fino a 3 GB l'ora per l'HD e fino a 7 GB per l'Ultra HD;
- automatica, si regola in base alla connessione (è l'opzione di default).
È sempre possibile modificare le impostazioni di utilizzo dei dati, accedendo dal proprio account, per calibrarli a seconda delle esigenze e del traffico che ci mette a disposizione il gestore. Considerate che dopo la modifica, prima che quest'ultima sia effettivamente attiva, possono passare anche 8 ore. Inoltre considerate che continui arresti e avvii determinano aumenti (picchi temporanei) nel consumo del traffico dati. Insomma, si consuma di più facendo continuamente pause/play rispetto a una visione ininterrotta.

Su quali dispositivi guardare la programmazione di Netflix?
Ecco un elenco esaustivo, che speriamo soddisfi la vostra curiosità:
- TV HD: si tratta delle smart TV con connessione integrata, già predisposte per la visione di Netflix;
- console videogiochi: Netflix è disponibile su tutte le principali piattaforme, Nintendo, Playstation, Xbox;
- lettori DVD e Blu-ray;
- set-top box: possibile eseguire lo switch dalla TV tradizionale a Netflix dal set-top box. Disponibile tramite fornitori di Pay TV;
- computer: ottimizzato per tutti i principali browser;
- smartphone e tablet: ovviamente tramite applicazione;
- lettori per lo streaming: lettori multimediali e chiavette per lo streaming;

- sistemi home theater.

CONVERSATION

2 commenti:

  1. Non ho capito il consumo dati da tablet e smartphone ..non funziona come skygo? Che nn va a scalare il traffico dati utilizzato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il traffico dati se fatto su rete wifi ovviamente non incide sul piano tariffario dell'operatore telefonico. se invece vedi i contenuti audiovisivi quando usi la connessione mobile, potresti andare in extrasoglia se non hai un piano flat o molto consistente in numero di giga a disposizione.

      Elimina

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 