Prodotti che vanno e vengono....

Ci sono molti modi di scrivere le cose in rete e, spesso, trasmettono a chi le legge parecchie informazioni su chi le ha scritte e sul suo modo di vedere le cose. Se poi gli autori si dividono in bande pro o contro questo o quel marchio quando commentano i suoi prodotti in qualche blog risultano evidenti anche i problemi personali di chi scrive.
Di solito se il prodotto di cui si parla ha un discreto successo, nonostante le critiche e le voci che fanno credere che è un flop, un fallimento, non resta, metaforicamente parlando, che sedersi da qualche parte, sgranocchiare qualcosa e aspettare. Di solito di lì a poco la scena si apre e lo spettacolo comincia, lo stesso ad ogni prodotto. Cambiano i nomi e i protagonisti. Il resto rimane uguale. In omaggio al blog che ci ospita nelle prossime righe  si farà qualche cenno a cosa è successo con i due ultimi prodotti Apple:le cuffiette AirPods, recentemente presentate e la seconda versione dell'Apple Pencil prossima ad apparire sul mercato, se le voci che circolano hanno un fondamento. L'accoglienza di quei due prodotti, comunque, è stata molto simile in quanto la parte della rete che tifa per la concorrenza ha fatto di tutto per far intendere ai suoi lettori che la versione di quei prodotti per cui lei tifa è migliore e costa la metà o meno di quelli Apple. Per dimostrarlo ha cercato di fare delle recensioni e delle prove di qualcuno di essi ma quei pochi che le hanno lette si sono precipitati a comprare quei prodotti Apple che gli articoli basati su di esse criticavano, gli altri, sono andati molto più spicci: si sono precipitati direttamente a comprarli, senza nemmano provarle....Sulla fiducia.
Sono arrivate talmente tante critiche, platealmente di parte e fatte con tanto impegno dai tifosi della concorrenza da trasformarle in prodotti magnifici. Qualcuno le ha comprate, le ha usate per le sue faccende e ha raccontato la sua esperienza in rete. Il racconto era talemente entusiasta e gli Air Pods talmente ben riusciti da convincere questo blogger a raccontare tutta la faccenda. Secondo loro le Air Pods sono talmente ben fatte da fare sembrare  la tecnologia alla loro base con qualcosa di molto vicino alla magia giustificando il successo di vendita che stanno avendo anche se qualche sondaggio ha fatto il possibile per ridimensionarlo.
La reazione più divertente, probabilmente c'è stata per il secondo prodotto, la seconda versione della matita Apple. Nessuno sa nulla di preciso e definitivo di quella matita, nemmeno Apple, ma in giro per la rete sono già arrivate le prime critiche alle voci che hanno iniziato ad anticipare le sue caratteristiche. D'obbligo il confronto con i prodotti della concorrenza, le Surface Pen, della Microsoft o l'equivalente prodotto Android  ritenuti simili all'Apple Pencil dai suoi critici.
In realtà sembrano solo simili: destinate ad un'area di mercato, una tecnologia, una cultura e una destinazione diversa dalla sua. Ma non c'è speranza di fare intendere ai cultori dei prodotti della concorrenza le differenze che li separano tra di loro e dalla matita Apple. Nemmeno fare notare che i milgioramenti che si presume ci saranno nella sua seconda versione sono diversi dalle analoghe parti già presenti sui concorrenti è servito a farli desistere dalle loro idee....Pazienza....

Per il momento ci fermiamo qui. Poi si vedrà....

N.B: l'immagine di testa è una delle varianti della coppia di mani che si disegnano a vicenda.
L'autore è M.C. Escher . Dall'altra parte di questo collegamento c'è un possibile loro originale.

Share:

0 commenti

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 