E' ufficiale: Apple ha scelto Napoli per aprire il primo centro di sviluppo Applicazioni in Europa

E' piovuto un po' dal cielo. Nel senso che quasi nessuno ne aveva idea fino a poche settimane fa.
Eppure questo evento che potrebbe essere considerato un momento storico fondamentale per lo sviluppo tecnologico in italia, è già stato confermato. Non esistono ancora centri ufficiali, fondati proprio da Apple, dedicato allo sviluppo Applicazioni per i ben noti dispositivi iOS in Europa.
Nè sapevamo che la Apple stesse facendo programmi in questa direzione. Ma è proprio così, lo ha appena confermato anche il nostro Presidente del Consiglio, Matteo Renzi: la Apple ha scelto NAPOLI per realizzare questo primo, e dunque importantissimo Centro in Europa.
Il centro sarà orientato in particolar modo alla FORMAZIONE di migliaia di potenziali/futuri sviluppatori, affinché possano essere preparati a far parte eventualmente di un team di sviluppatori Apple. A questo scopo, la Apple "recluterà" molte collaborazioni con professionisti in giro per l'Italia. E sempre secondo il Presidente del Consiglio, grazie a questo progetto saranno creati come minimo 600 nuovi posti di lavoro.
Siamo ovviamente molto lieti di apprendere tale notizia, ma non possiamo fare a meno di domandarci come sia stata raggiunta tale decisione: augurandoci che sia una semplice "cattiveria" o un'esagerazione, un minimo di pulce nell'orecchio ce l'ha messa l'articolo pubblicato poche ore fa da "Linkiesta": in questo sito hanno evidenziato la concomitanza di questa decisione con il periodo immediatamente successivo a quello in cui la Apple si è trovata a dover chiarire la propria posizione fiscale in italia, (per i motivi che abbiamo accennato in questo post), e a dover versare un'ingente somma che comunque pare non arrivasse a coprire nemmeno da lontano il grosso "gruzzolo" accumulatosi senza corrispondere le dovute tasse al fisco; sempre che la Apple fosse davvero tenuta a farlo (e questo non è ancora chiaro).
Insomma, i più maligni credono che questo sia un gesto "concordato", studiato a tavolino da Apple con il Governo italiano per far passare più in "sordina" il problema della ipotetica evasione fiscale, perpetuata forse involontariamente da Apple, la quale non ha dichiarato al fisco gli introiti derivanti dalle vendite nel nostro paese (essendo la sua sede Europea in Irlanda).
Secondo una certa fetta della stampa, questa potrebbe essere una "manovra" da parte di Apple, atta a "quietare gli animi" su tale questione, e magari anche a rimetterci un po' meno in tasse.

Per quanto mi riguarda, io non posso proprio credere che la Apple, con l'etica professionale che la caratterizza, si metta a fare accordi del genere.  Pertanto e per il momento, facciamo le nostre congratulazioni a Napoli e ai suoi (fra poco iper-tecnologici) abitanti!


Lasciate Qui i vostri Commenti:

0 commenti:

Posta un commento

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 