Pages

Cerca nel blog

Oscurità


Questa chiacchierata intende essere la prosecuzione di quell'altra, fatta sulla storia del Mosna Effect su questo stesso blog. Se siete interessati a sapere qualcosa di più su questo fenomeno della rete provate a seguire quel collegamento o a cercare, con l'aiuto di qualche motore di ricerca, dove porta l'hastag #mosnaeffect. Penso ne valga la pena.
Quel fenomeno era dovuto ad interventi fatti a caso, quasi senza alcun legame con il resto della discussione in corso. Era quella parte del web, quella oscura, che reclamava un po' di attenzione da parte del resto della rete, quella che si manifestava con interventi i cui autori avevano idee tutte loro sull'argomento della discussione e, talvolta, su quello del loro intervento. Prima o poi gli altri partecipanti se ne accorgevano e provavano a farglielo notare con le buone maniere, se non bastava, c'erano sempre quella cattive che li facevano sparire per qualche tempo dalla rete.

Il Mosna Effect appare e scompare periodicamente sotto forme e nomi diversi, seguendo vie evolutive estremamente adattabili ai cambiamenti della rete a cui si adeguano molto velocemente. Dopo le ultime vicende Apple è riapparso con quasi solo lo scopo di dare addosso a quell'azienda; a loro non interessava cosa aveva combinato, interessava solo possedere uno dei suoi dispositivi convinti com'erano che quel possesso li avrebbe aiutati a scalare la gerarchia sociale del loro mondo, abbandonando quegli ultimi gradini in cui erano stati confinati.  Gli ultimi modelli appena presentati  hanno fatto scoprire agli autori degli interventi in questione che quei dispositivi erano oltre le loro possibilità e che quella scalata della gerarchia sociale da loro tanto desiderata, potevano scordarsela. La reazione a questo smacco li ha spinti ad intervenire in tutte le discussioni su quell'azienda e i suoi prodotti con interventi dai risultati spesso letali per la loro presenza in rete.

Di solito gli argomenti su cui si basano questo genere di interventi, sono presi quà e là in rete, messi insieme in qualche modo e usati come clava per distruggere quanto più possibile della discussione e degli interventi altrui ma ogni loro tentativo, si risolve spesso, in maniera autolesionista, diversamente da quanto preventivato dai loro autori che si ritrovano buttati fuori dalla discussione e, talvolta, pure dalla rete. Dare addosso ad Apple qualunque cosa faccia quell'azienda sembra diventato uno status symbol per quegli angoli oscuri della rete a cui questi frequentatori fanno riferimento. Se, invece sono i concorrenti a farne qualcuna delle loro, invece, sembra quasi che criticarli sia uno screditamento da evitare, per quanto possibile. Basta sbirciare nei commenti in calce ai blog Apple e a quelli della concorrenza per rendersene conto. Ma questa è un'altra storia che racconteremo un'altra volta.

Per ora ci fermiamo qui.

N.B: L'immagine di testa, tratta da urbanlegends.com è legata al Dark & Deep Web, una variante del Web Oscuro di cui ho parlato in questa chiacchierata. Sconsiglio di visitarlo se non si sa cosa si sta facendo e dei pericoli che si corrono a visitare quei posti.




Posta un commento

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 

My Instagram

Copyright © Apple Caffè.