Emoji, i fumetti e Apple - Prima parte

Peanuts - La ragazzina dai capelli rossi
Quando ho letto del comitato Unicode che ha voluto incontrare Apple per l'inserimento nel suo catalogo delle emoji, delle icone basate su figure con i capelli rossi. Tale richiesta naturalmente non vale solo per Apple ma lei è il produttore di dispositivi informatici più noto e infilare il suo nome in qualche cosa, a torto o ragione, la pone in evidenza e, almeno per un po' tutti ne parlano; inoltre, quelle emoji mi hanno ricordato un gruppo di personaggi dei fumetti di qualche anno fa che comprendeva la ragazzina dai capelli rossi qua sopra.
Ad essere pignoli quella ragazzina è tratta dalla loro trasposizione cinematografica ma non era presente in quella originale, quella cartacea, apparsa su miriadi di pubblicazioni cartacee. Quei fumentti erano diffuse nella forma di strisce basate su poche vignette per ciascuna di loro e il loro autore, Charles Monroe Schulz, raccontava le vicende dei protagonisti, chiamati Peanuts (in senso figurato: cose da poco, piccolezze) e delle loro vicende nella società in cui vivevano e che li vedeva crescere. I personaggi di queste serie erano ragazzini e ragazzine con vari ruoli e uno di loro era profondamente innamorato di una ragazzina dai capelli rossi mai comparsa esplicitamente in quelle strisce.  Ogni tanto qualcuno dei protagonisti di quelle vicende accennava a lei ma nulla di più. Nella striscia successiva di lei non c'era più traccia, lontana e irraggiungibile come sempre. Per me, leggere quelle strisce, i primi fumetti degni di tale nome, era un modo di fare cose sensate senza doverne rendere conto a nessuno e la più divertente, era cercare di capire chi o cosa era quel personaggio misterioso, dai capelli rossi. Lo scoprii qualche tempo dopo ma non aveva più importanza. Quelle strisce,erano diventate mito e leggenda; per anni è stata una simbiosi: apparivano loro e il mondo  spariva. C'erano quei fumetti da assaporare fino all'ultima vignetta ...
Qualcosa di simile è avvenuto con le emoji, e altre vicende di cui leggerete nelle prossime righe. Ho già parlato di emoji, emoticon e poco altro in un paio di articoli, scritti per questo blog qualche tempo fa. Allora, queste emoji erano appena apparse nei dispositivi iOS e io ne avevo parlato descrivendole come simbolo di emozioni e sentimenti digitali da usare nei rapporti in rete. Rimando a quelle pagine per avere un'idea generale dell'argomento e del suo legame con Apple. Sono dall'altra parte dei collegamenti che avete appena incontrato. Userò anche ora e nel prossimo articolo,  la convenzione di allora riferendomi, per semplicità, alle emoji, alle emoticons e gli altri nomi di quel mondo come sinonimi atti ad indicare qualcosa che da allora è diventato di uso comune tra gli internauti. Come allora, tengo a precisare, che quei nomi, indicano in realtà cose leggermente diverse, ma ai fini di questa chiacchierata le loro differenze sono trascurabile e saranno ignorate. Le altre vicende, a cui ho accennato, riguarderanno dispositivi e previsioni di qualcosa che al momento sono lontani e irragiugibili, proprio, come quella ragazzina dai capelli rossi dei fumetti di C.M. Schultz.

Per il momento ci fermiamo qui.

N.B: L'immagine di testa è la mitica e leggendaria ragazzina dei capelli rossi della trasposizione cinematografica dei fumetti di C. M. Schulz e delle nuove emoji...
Questa copia è una versione leggermente modificata dell'originale trovato all'interno di movieforkids. it

Share:

0 commenti

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 