ironia e umorismo nei blog.

Nell'ultimo articolo avevo parlato di quei blog dove si prendono redattori con poca dimestichezza con le cose di informatica al solo scopo di aumentare gli introiti pubblicitari.
Com'è noto che sparlare di qualcuno attira sempre l'attenzione di altri che l'hanno in antipatia. Nel mondo dei dispositivi informatici. del resto, basta sparlare dei dispositivi che vanno per la maggiore, sono i più noti e, magari pure costosi (mi pare di aver sentito la parola  Apple)e santificare quelli della concorrenza, qualunque essa sia, attira parecchi lettori e soprattutto introiti pubblicitari. Alcuni blog o siti web,mi dicono, hanno risolto parecchi dei loro problemi, finanziari, soprattutto, in questo modo. Anche a scapito della loro credibilità. Ma questa è un'altra storia...
Talvolta, però, le scelte della redazione sono guidate dal senso dell'umorismo di chi le dirige...Si prende qualcuno che crede di sapere tutto dell'informatica, gli si fa credere di essere pure un bravo articolista, gli si mette a disposizione una pagina da riempire e si aspetta. Qualcosa succederà. Quasi sicuro che costui si crederà un grande luminare del giornalismo informatico e riempirà quella pagina di sciocchezze inimmaginabili spacciandole per articolo pieno di notizie e approfondimenti. La reazione dei lettori, se competenti, di solito è l'ironia con appresso una buona dose di umorismo. Un esempio è quella comparsa in questa pagina in cui l'autore parla  di alcuni articoli raggiungibili dall'altra parte dei collegamenti presenti nella sua pagina. Suggerisco, ovviamente di dargli un'occhiata e di seguire i collegamenti lì indicati. Ne vale la pena. Sopratutto se volete passare qualche minuto di buon umore.
Qualche frequentatore, evidentemente, voleva sensazioni più forti e per accontentarlo la rete ha mostrato articoli in cui su disquisiva di MBPro da un punto di vista che non ho mai visto altrove...Quello chi ha comprato un dispositivo Apple, ma non ha la minima idea di cosa ha in mano e quando lo prova fa in modo che i test effettuati diano pessimi risultati. Non tutti gli articoli sono così malfatti e ce ne sono di migliori, reperibili in alcuni blog italiani che vanno per la maggiore, nel bene e nel male.
Non si creda che queste perle, se mi è consentita questa ironia, siano presenti solo nella rete di lingua italiana. Anche in quella di lingua inglese se ne possono trovare parecchie.
Soprattutto, se coinvolgono dispositivi Apple. Sempre gli stessi, ultimamente. Tra i vari articolisti che ne parlano uno ha voluto distinguersi dalla massa di colleghi presentando un saggio di  umorismo dedicato agli MBPro parlandone come se l'uso di quel portatile sia stato un errore per lui o per chi legge le sue cose. Costui deve avere idee tutte sue sull'informatica e sui computer e per accertarsene basta dare un'occhiata al suo curriculum vitae in cui si autoesalta raccontando una vita professionale che non sembra abbia mai interessato a nessuno che sia mai passato da quelle parti, soprattutto se dotati di quel minimo di competenza professionale che a lui o ad altri suoi colleghi sembra mancare quando scrive i loro articoli.  Probabilmente nessuno ha spiegato a questi poveri diavoli che l'umorismo, talvolta, dovrebbero sostituirlo con un po' di competenza quando scrivono qualcosa che verrà letto da altri.
I confronti, inoltre, vanno fatti tra prodotti della stessa classe perchè abbiano una qualche validità e possano essere dei riferimenti per chi li legge. Ma loro e la redazione che li ospita, a quanto pare, sono di parere diverso.

Alla prossima volta.

N.B: L'immagine di testa è una copia di quella presente in centrometeo.com.
Il personaggio ritratto sembra uno di quei curiosi personaggi che nelle redazioni dei blog e affini si prende gioco dei suoi lettori arruolando redattori con quel senso dell'umorismo e dell'ironia di cui si aprla nell'articolo.

Share:

0 commenti

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 