Oculus Rift arrivati ai primi fortunati tecnomaniaci

Da ieri, lunedì 28 marzo, sono partite le spedizioni degli Oculus Rift, i visori per la realtà virtuale prodotti dalla Oculus VR, azienda acquistata da Facebook due anni fa.

Cominciano quindi a circolare tra i comuni mortali i visori più discussi degli ultimi anni. I primi esemplari, esauriti quelli in omaggio destinati ai sostenitori della campagna crowdfunding di Kickstarter risalente al 2012, saranno distribuiti nell'arco di questa settimana a tutti coloro che li hanno prenotati circa 3 mesi fa, a gennaio.
Il prezzo di lancio è di 599 $, mentre per l'Italia la spesa dovrebbe aggirarsi sui 740 €, 699 € più 43 € di spedizione. Ricordiamo che tra prenotazione/acquisto ed effettivo ricevimento del prodotto possono passare diversi mesi; allo stato dei fatti si suppone che prenotandolo adesso, lo si riceverebbe intorno a metà luglio. C'è anche da dire che attualmente la piattaforma italiana di Amazon ancora tace in merito, riservando la propria pagina di presentazione della Realtà Virtuale non solo all'Oculus Rift ma anche ai suoi due principali concorrenti sul mercato: la Playstation VR, che sarà disponibile solo in ottobre ma è già prenotabile, e la HTC della Vive, che invece sbarcherà fin dalla prossima settimana.
Il settore è quindi piuttosto in effervescenza, anche se per il momento, come previsto e anticipato un po' da tutti, è la fetta degli appassionati dei videogiochi quella maggiormente interessata dal visore. Chi l'ha già avuto tra le mani e sugli occhi (in questa pagina sono raccolte tutte le recensioni dei più importanti giornali e delle principali piattaforme mondiali dedicate alla tecnologia) sostiene che il dispositivo superi a pieni voti o quasi l'esame della prova sul campo dei videogiochi.
Il visore, col suo display OLED (risoluzione 2160 x 1200), un refresh rate di 90Hz, la cui frequenza dovrebbe garantire l'eliminazione dell'effetto nausea percepito da molti, e l'angolo di visione di 110 gradi, viene venduto insieme al controller di navigazione, al sensore per il rilevamento dei movimenti e al controller Xbox One. Più avanti, probabilmente durante la seconda metà dell'anno, verranno venduti separatamente i controller per i movimenti Oculus Touch, che rispetto al controller Xbox One garantiranno un coinvolgimento e una prestazione decisamente superiori.
Tra i giochi che supportano il Rift ricordiamo EVE: Valkyrie, Lucky's Tale e Pinball FX2 VR. Ma ce ne sono molti altri per un pacchetto di circa 30 titoli, e tanti sono quelli pronti a sbarcare con le nuove caratteristiche.
Ricordiamo anche che Linux e Mac per il momento sono "fuori dai giochi", essendo l'Oculus Rift un visore sviluppato per le versioni Windows. Tra l'altro lo stesso computer per supportare il visore deve avere determinate caratteristiche, che lo rendono piuttosto potente e anche piuttosto costoso, relativamente a un equipaggiamento per il gaming.

Ma il futuro passa da qui e molto probabilmente, con vari aggiustamenti e magari anche con colpi di scena che vedranno coinvolti i principali attori, la fruizione di qualsiasi piattaforma digitale, non solo quindi di quelle dedicate espressamente all'intrattenimento e al gaming, si caratterizzerà per un uso sempre più massiccio di strumenti in grado di replicare o aumentare la realtà.

Lasciate Qui i vostri Commenti:

0 commenti:

Posta un commento

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 