WWDC alla mela

Questa volta assaggeremo qualche pezzo del WWDC alla mela d'inizio mese.
Poco dopo quell'evento giravo per la rete in cerca di novità e di quanto si dice su Apple e quanto vi accingete a leggere è una sintesi delle notizie più interessanti che ho trovato.
Cominciamo dai sistemi operativi:
L'OS X di questo WWDC,funzionerà anche su macchine parecchio datate abilitiando, quando necessario anche il trim progettato da terze parti.
Ricordo che il trim è una specie di riordinamento dei dischi SSD preceduto da qualcosa di molto simile ad una raccolta rifiuti applicata a dati e software non più utilizzati dal sistema che la permetterà acconsentendo ad una modifica temporanea di alcuni suoi archivi valida per tutto il tempo in cui il computer rimarrà acceso; non è nemmeno certo se questa nuova funzione sarà presente anche nella versione definitiva di OS X che arriverà quest'autunno. Consiglio quindi di prendere questa notizia con con cautela. Per quanto riguarda iOS 9, Apple ha proposto agli sviluppatori alcuni trucchi per ottimizzare le risorse ad disposizione. Suppongo che prima o poi qualcosa del genere arriverà anche per OS X com'è successo per la biblioteca grafica Metal.
Al momento, però, sembra che ci dobbiamo accontentare. Poi si vedrà...
Appena possibile, quindi più o meno verso la fine di quest'anno o all'inizio del prossimo, i software dovranno essere predisposti per caricare le risorse in funzione solo per il dispositivo su cui sono installati. Se poi funzioneranno a livelli successivi, come i giochi, gli sviluppatori dovranno fare in modo che i loro software scarichino solo solo le risorse necessarie per il loro funzionamento in quel momento cancellando le altre, senza indurre effetti collaterali di alcun tipo e genere.
Altra possibilità offerta da Apple per sviluppare (e usare, ovviamente) software è bitcode. Questo software predispone i lavori che gli sviluppatori intendono presentare al loro potenziale pubblico in una forma intermedia tra il codice da loro scritto dagli sviluppatori e quello che riceveranno gli utenti.
Sarà cura dell'App Store, il negozio online Apple fare il resto auando qualcuno si collegherà all'Appstore per scaricarla. L'effetto collaterale di questa notizia è stato far venire in mente a qualcuno l'idea che Apple stia cercando di sganciarsi da Intel per rendersi autonoma anche dal punto di vista dei processori ed  avere sotto il suo controllo tutta la produzione dell' hardware e del software legata al suo mondo.
A questo punto non rimane altro che parlare.....Del resto, delle voci che si diffondono periodicamente in rete, dei difetti e di tutto quanto differenzia il mondo Apple da quello della concorrenza.
Di questo, però, ne parleremo in uno dei prossimi articoli....

Alla prossima chiaccherata....

N.B: L'immagine di testa, la mela affettata, come solito, è una copia dell'originale presente, questa volta in willharris3.com.

Lasciate Qui i vostri Commenti:

0 commenti:

Posta un commento

Lasciate un Vostro commento nel riquadro apposito!
Grazie e al prossimo Post! 